L’impiego di insetti ausiliari in grado di contenere danni ed effetti indesiderati nelle coltivazioni al posto di agrofarmaci a base di rame, olio minerale e zolfo è in aumento.

Ultimo in ordine di tempo, l’utilizzo di insetti predatori come Amblyseius Andersoni contro l’acaro delle gemme del nocciolo, un insetto che può causare importanti perdite alle produzioni. La distribuzione avviene tramite droni in grado di rilasciare quantità definite dell’insetto antagonista proprio sopra le piante con una efficacia maggiore rispetto alla distribuzione manuale a terra.

Questo metodo viene impiegato anche su altre culture, come per il controllo del ragnetto rosso sul pomodoro e contro la piralide sul mais.

Leggi l’articolo originale su Agronotizie