Il giudice di MasterChef e il drone Salt & Lemon

giudice Masterchef

Selfie dello chef Bruno Barbieri con il drone Salt & Lemon

E’ lo chef italiano con più stelle Michelin (sette, per la precisione) alla pari con Gualtiero Marchesi, ma Bruno Barbieri è diventato famoso soprattutto perchè è uno dei tre giudici di MasterChef, insieme allo chef Carlo Cracco e al ristoratore Joe Bastianich.

Apparentemente è il più mite  dei tre giudici ma sicuramente quello più esigente nel giudicare gli errori degli aspiranti chef.

Con lui,  gli altri due giudici  e l’intero casting abbiamo già collaborato alla realizzazione di due puntate dell’edizione 2014 di MasterChef, occupandoci in particolare delle riprese aeree.

Il nostro drone ha incuriosito tutti ma in particolare Bruno Barbieri che si è fatto un selfie con l”esacottero alle spalle.

 

Canon usa i droni Salt & Lemon per il video di lancio della nuova Camera XF200

Nei giorni scorsi abbiamo girato con il nostro drone cinema all’interno del Grand Hotel Billia di Saint Vincent (Aosta) per la produzione del video di lancio della nuova serie di telecamere professionali Canon XF200.

Le riprese sono state molto complesse dovendo operare all’interno di un edificio con movimenti di macchina lunghi e precisi.

Tutto è andato bene compreso l’installazione della macchina sul nostro drone che ha richiesto modifiche alla testata mobile a causa delle dimensioni non piccolissime del nuovo prodotto.

Riportiamo il commento che ci ha lasciato il regista della troupe inglese:

“Thanks for your amazing flying on Monday. The pictures look very good. Thanks again for your contribution to the project and I’ll be in touch again soon.

William Mann – Mighty Fine Productions – London”  http://www.mightyfineproductions.com

Salt&Lemon allo SMAU di Roma

smau roma 2014
Il Drone Cinema 006, uno dei droni più sofisticati di Salt & Lemon, è stato esposto a Roma in occasione dello Smau dedicato alle “Smart Cities”.

Presenti all’interno dello stand del CSP–Innovazione nelle ICT,  un organismo di ricerca piemontese senza scopo di lucro che svolge ricerca industriale e sviluppo sperimentale sulle tecnologie dell’informazione e della comunicazione, il drone ha suscitato grande interesse per la tecnologia in esposizione ma sopratutto per le tante applicazioni possibili nell’ambito del territorio.

In Cina non scherzano

Prigione cineseQuattro persone sono state arrestate in Cina per aver volato con un drone senza conoscere le regole.

Questi “piloti” volavano a 700 piedi (più di 200 metri) di altezza e a più di 100 chilometri orari nelle vicinanze dell’aeroporto di Pechino causando il mancato atterraggio di due aerei dell’aviazione civile con l’immaginabile panico e caos seguente.

In Cina le regole prevedono che non si possa volare più vicino di 15 chilometri dagli aeroporti e a non più di 100 metri di altezza.
Una simpatica curiosità: gli autopiloti per droni costruiti in Cina impediscono il volo in un raggio di sicurezza da Piazza Tienanmen.

Camera Blackmagic per il Cinema – test con il drone Salt&Lemon

Questo post apre il blog di Salt & Lemon dedicato alle soluzioni di ripresa innovative.

Negli ultimi tempi, nel bene e nel male, in rete si è tanto parlato di “BlackMagic Cinema Camera”, prima videocamera digitale lanciata sul mercato da Blackmagic, azienda ben posizionata sul mercato delle soluzioni hardware e software per la post produzione digitale, ma che, con questa camera, si affacciava per la prima volta sul mercato delle soluzioni di ripresa digitale.

Leggendo le opinioni in rete, molti sono entusiasti della possibilità di avere una camera in grado di offrire una risoluzione di 2.5K in RAW, qualcun altro invece storce il naso di fronte alle dimensioni del sensore che sembra troppo piccolo rispetto a quelli cui ci hanno abituato i costruttori di macchine da presa digitali come RED e ARRI o alle DSLR a partire dalla Canon 5d Mark II.

Resta il fatto che, anche alla luce del recente rilevante calo del prezzo (che ora è inferiore a 2000$), questa camera offre, sulla carta, alcune caratteristiche che ci sembrano interessanti:

Una risoluzione 2.5K (2432 x 1366 ) in formato RAW 12-bit oppure HD (1920 x 1080) codificati in ProRes 422 o DNxHD e i 13 stop di latitudine di posa dichiarati.

In occasione della sessione di riprese aeree realizzate per Masterchef Italia con il nostro drone, abbiamo fatto la piacevole conoscenza di Pietro Jona, operatore e videomaker, in possesso di una Blackmagic Cinema Camera (bcc) che ha gentilmente messo a nostra disposizione per una serie di test.

Stefano Sgrelli e Pietro Jona con la Blackmagic Cinema Camera

Stefano Sgrelli e Pietro Jona con la Blackmagic Cinema Camera

Noi di Salt&Lemon però non ci siamo accontentati di piazzare la bcc su un cavalletto ed inquadrare le solite chart per i test… abbiamo voluto testare le prestazioni della camera in volo, sul nostro drone per riprese aeree con carichi pesanti.

La prima ovvia considerazione da fare riguardava il peso da trasportare:

fino a questo momento il nostro drone aveva alloggiato al massimo la Canon 5d Mark II, in alcuni casi corredata da un’ottica anche importante come il 35mm T1.4  Zeiss modificato per il cinema da PrimeCircle, che portava il carico complessivo ad un massimo di 1,7-1,8 Kg.

Questo peso equivale al solo corpo macchina della BlackMagic cinema camera che è di 1,7Kg. Aggiungendo poi l’ottica utilizzata per il test, un Canon EF-S 17-55mm f/2.8 IS USM che pesa 650g si arriva ad un peso complessivo di carico di quasi 2,4 Kg!

Il nostro drone esacottero è stato progettato per carichi pesanti e durante i test avevamo sollevato senza problemi un peso di piombo da 4 Kg, ma si trattava della prima volta che testavamo il drone con una macchina da presa di questo peso. Inoltre un espetto da non sottovalutare è l’ergonomia del carico: dovevamo assicurarci che la camera fosse alloggiata all’interno del camera mount in maniera sicura (la sicurezza del volo viene prima di tutto!), priva di ostacoli che impedissero i corretti movimenti di camera, e in modo bilanciato per mantenere lo sforzo dei motori sugli assi del camera mount nullo in fase di idle.

Questa fase ha richiesto un setup della camera di qualche minuto.

Edoardo Bartoccetti e Stefano Sgrelli bilanciano la Blackmagic Cinema Camera sul drone

Edoardo Bartoccetti e Stefano Sgrelli bilanciano la Blackmagic Cinema Camera sul drone

Rispetto alla configurazione Canon abbiamo dovuto abbassare l’alloggiamento della camera (che, essendo più alta, spostava il centro di rotazione in fase di tilt troppo in alto) e arretrare l’intero camera mount per mantenere il peso della camera, sbilanciato altrimenti in avanti a causa della lunghezza dell’ottica, il più possibile in centro.

calibrazione del peso

La delicata fase della calibrazione del peso

Terminata questa fase, abbiamo testato il corretto funzionamento del camera mount: a causa del peso eccessivo i settaggi che utilizzavamo con la Canon 5D Mark II non risultavano corretti, introducendo pesanti vibrazioni sul camera mount.

collegamento stabilizzatori per calibrazione

Collegamento del cavo usb per la calibrazione degli stabilizzatori tramite computer

Con un rapido setting da computer abbiamo modificato i parametri del guadagno degli stabilizzatori, ottenendo un risultato sufficientemente stabile per il test.

settaggio dei guadagni dello stabilizzatore al computer

Stefano Sgrelli calibra il guadagno degli stabilizzatori

 la bcc sul drone

La Blackmagic Cinema Camera alloggiata sul camera mount del drone di Salt&Lemon

Da terra, prima di decollare, abbiamo quindi controllato il funzionamento corretto dei principali movimenti di camera: pan, tilt e roll risultavano liberi da ostacoli e fluidi nei movimenti.

Unica mancanza era la possibilità di vedere il segnale video a terra, poiché la BlackMagic ha come sola uscita video un segnale sdi, per cui avremmo dovuto installare un convertitore SDI-hdmi o SDI-Analog per mandare il segnale corretto al nostro videodownlink montato sul drone.

Un ultimo controllo alle componenti di sicurezza e alle connessioni mentre Pietro Jona setta la camera per le riprese.

settaggio delle impostazioni della Blackmagic Camera

Pietro Jona setta la camera mentre Stefano Sgrelli esegue gli ultimi controlli di sicurezza

Il sole splende e la mancanza di un filtro ND adeguato ha portato alla scelta di effettuare le riprese con diaframma molto chiuso e l’otturatore a 45 e 90°.

Blackmagic Cinema Camera pronto al decollo

Il drone Salt&Lemon con la Blackmagic Cinema Camera pronto al decollo

Il drone è posto infine al centro del piazzale della nostra sede, luogo abbastanza isolato per effettuare test in sicurezza dell’attrezzatura con il nuovo setup.

Curiosi di vedere come la Blackmagic Cinema Camera si è comportata in volo sul nostro drone?

Allora non perdete il prossimo post del blog di Salt & Lemon dedicato alle soluzioni innovative di ripresa e videomaking: vedrete le immagini e il video girato dalla camera in volo e andremo a trattare il materiale girato in post produzione con il software di color correction Da Vinci Resolve!

11-il-drone-in-volo 12-il-drone-in-volo2

Continuate a seguirci!

Il drone Salt & Lemon al Festival del Cinema di Venezia

Logo Festival di VeneziaIl 28 Agosto alle 22,15 in sala Grande al Palazzo del Cinema di Venezia, nell’ambito del progetto Future Reloaded, è stato proiettato il cortometraggio “Lighthouse” di Davide Ferrario realizzato a luglio tramite il nostro drone.

Maggiori notizie da un articolo su “La Stampa”.

Guardalo su Vimeo