Unendo le tecnologie aeree a quelle della fotografia all’infrarosso, si può valutare lo stato di salute di una coltivazione in modo più completo di quanto sia possibile solo da terra. I vantaggi sono:

  • L’ottimizzazione delle risorse, ad esempio con la concimazione variabile zona per zona, a seconda delle effettive necessità
  • L’individuazione precoce di situazioni di stress che permette di attuare trattamenti precoci con consumo inferiore e mirato di risorse e sostanze chimiche 

Benefici che si concretizzano in un incremento (quantitativo e qualitativo) della produzione, una riduzione dei costi e una diminuzione dell’impatto ambientale.

Referenze e pubblicazioni

Alcuni dei nostri lavori

Collaborazione pluriennale con l’Ente Nazionale Risi e la Facoltà di Agraria della Università di Torino per la gestione dell’apporto di concimi azotati nelle varie fasi della coltivazione.


Olivocoltura: Progetto con Università di Bari, CREA e la società SIT nel progetto XylMap per la prevenzione e il contrasto al batterio della Xylella


Sperimentazione presso un importante Consorzio di produzione del pomodoro per la valutazione dello stato di maturazione dei frutti.

Da una foto aerea del campo, attraverso una serie di elaborazioni digitali, sono identificati e contati automaticamente i singoli pomodori che vengono classificati a seconda dello stato di maturazione.

Nella foto ogni punto rosso rappresenta un pomodoro che ha raggiunto il giusto livello di maturazione, in verde i pomodori ancora in maturazione


Sperimentazione con l’Università di Torino, Facoltà di Agraria di differenti metodi di irrigazione del mais.
Tramite l’infrarosso termico si notano differenti livelli di umidità nel suolo