Timelapse per la Chiesa e il Municipio di Moglia

La Diocesi di Mantova, nell’ambito di una gara  pubblica ha affidato alla RTI capeggiata da Bottoli Costruzioni il progetto di consolidamento ed di restauro della Chiesa di Moglia, gravemente danneggiata nel terremoto del 2012.

Anche in questo caso Bottoli Costruzioni ha deciso di affidare a Salt & Lemon il servizio chiavi in mano che consente di monitorare il cantiere da remoto e contemporaneamente produrre un filmato promozionalei in modalità time lapse dell’intero ciclo di vita dell’opera, a beneficio delle istituzioni e dei cittadini.

Il servizio, chiamato BUILDING.LAPSE, prevede l’impiego di due camere che inquadrano rispettivamente il tetto della Chiesa e le facciate della Chiesa e del Comune. La durata del cantiere è di circa due anni durante i quali le immagini vengono raccolte e rese disponibili tramite un apposito portale web.

La stessa tecnologia è stata impiegata da Bottoli Costruzioni in altri cantieri quali l’ampliamento del Polo Logistico della  azienda Thun e il restauro in corso del Duomo di Mirandola.

Certificazione di un drone inoffensivo di fascia alta

Volare su aree urbane popolate con droni sofisticati … è legale con Salt&Lemon.

Certificazione ENAC: n° 20740

Uno dei grossi limiti all’utilizzo dei servizi aerei con i droni è dato dal divieto, imposto dalla normativa per evidenti ragioni di sicurezza, di volare in aree urbane popolate, a salvaguardia di cose e persone.  Il fatto che taluni operatori di droni effettuino ugualmente tali voli in modo assolutamente  illegale, è atto di grande sconsideratezza sia dal punto di vista dell’incolumità delle persone che dei possibili danni arrecati a cose, tanto più che in entrambi i casi le assicurazioni non risarciscono alcunchè, anche in presenza di regolare polizza.

Per questa ragione Salt&Lemon ha certificato nella propria flotta un drone inoffensivo di  fascia alta (ben diverso dai tipici droni inoffensivi di peso inferiore ai 300 grammi, con funzionalità estremamente ridotte), in grado quindi di offrire servizi aerei di alto livello in qualunque contesto operativo. Si tratta di un drone senseFly eBee RTK, da noi reso inoffensivo, utilizzabile per diversi tipi di applicazioni, ideale soprattutto per complesse attività di fotogrammetria aerea.

Caratteristica avanzata di questo nuovo mezzo della flotta Salt&Lemon è la dotazione di un GPS RTK che consente un’accuratezza di risoluzione delle immagini di tipo centimetrico, a differenza di un GPS standard che offre risoluzioni dell’ordine del metro. Altra caratteristica interessante di questo mezzo è la grande autonomia di volo e proporzionalmente l’estensione dell’area coperta con un singolo volo, con notevole ottimizzazione di tempi per l’operatore e quindi di costi per il cliente finale.

Principali caratteristiche del nuovo drone inoffensivo di Salt&Lemon: eBee RTK caratteristiche tecniche

 

 

Nei voli su spazi aerei “restricted” l’operatore scelto fa la differenza

Una vista dall’alto della nuova area residenziale di Cesano Boscone

Volare in scenari critici, quali zone urbane ad alta densità di popolazione, richiede una particolare certificazione da parte dell’operatore di droni.
Volare in zone a spazio aereo “restricted” richiede in aggiunta la conoscenza approfondita delle procedure necessarie ad ottenere le autorizzazioni specifiche.

Il contesto “restricted”  in cui ci siamo trovati ad operare in questi giorni è lo spazio aereo LI-R9 – Milano Città. Tramite “Notiziario Speciale” (NOTAM) abbiamo ottenuto il parere di ENAV, l’autorizzazione di ENAC ed il nulla osta da parte della prefettura di Milano, con relativo avviso a tutte le forze dell’ordine interessate.

I sorvoli hanno interessato una nuova area residenziale di Cesano Boscone. Le riprese video, realizzate per l’azienda di produzioni video Setteventi, sono state finalizzate alla realizzazione di un filmato di comunicazione aziendale per un’importante azienda di real estate.
Le operazioni si sono svolte regolarmente ed in sicurezza, con soddisfazione da parte del cliente.

Ringraziamo il nostro cliente che ha saputo comprendere ed accettare gli step necessari per operare secondo la normativa ed i relativi tempi necessari per l’ottenimento delle autorizzazioni.

“Il Risicoltore”, magazine italiano di punta sul mercato del riso, parla di noi

Un lungo articolo che spiega come un lavoro di squadra (agronomi, esperti di GIS ed esperti di volo e sensori all’infrarosso) ha creato nel giro di 4 anni, a partire  da un’attività di ricerca scientifica svolto in collaborazione con l’Ente Nazionale Risi e la facoltà di Agraria dell’Università di Torino, un servizio chiavi in mano per i risicoltori.

Si tratta del servizio di “concimazione di precisione” che oltre a migliorare la produzione, sia in termini quantitativi che qualitativi, riduce il rischio di attacchi fungini e di fenomeni di allettamento, decisamente frequenti nella concimazione tradizionale.

Infatti una concimazione sito-specifica, ovvero calibrata sulle effettive esigenze colturali, oltre agli incrementi produttivi garantisce una maggiore robustezza della coltivazione. E non ultimo influisce positivamente sull’impatto ambientale.

Questo l’articolo: Il risicoltore 2018 -concimazione di precisione in risaia, si può fare.

Presentati i primi risultati del progetto per prevenire e contrastare la Xylella

Il gruppo di ricerca del Progetto XylMap -per la lotta e la prevenzione al batterio Xylella Fastidiosa che sta uccidendo gli ulivi pugliesi- si è riunito a Bari in un primo workshop per presentare  i risultati conseguiti ad oggi  e confrontarsi con un pubblico di addetti ai lavori.

I primi risultati sono incoraggianti anche se molto rimane da fare visto l’ambizioso obiettivo non solo di prevenire e contrastare il batterio ma anche di predisporre strumenti  di early warning che forniscano indicazioni  previsionali sull’evoluzione e sull’espansione del fenomeno al fine di gestire i processi d’intervento preventivo, curativo o di estirpazione.

Relatori del Progetto XylMap al workshop di presentazione delle attività e dei primi risultati ottenuti

Siamo orgogliosi di partecipare a questo progetto  come consulenti della società SIT (leader nei servizi di informazione territoriale e nello specifico capofila del progetto) e di condividere questa attività di di vera e propria ricerca scientifica con autorevoli partner del mondo accademico e della ricerca quali il Prof. Franco Nigro dell’Università degli Studi di Bari -DSSPA, Dipartimento di Scienze del Suolo, della Pianta e degli Alimenti, la Prof.ssa Anna Castrignanò, dirigente di Ricerca presso il CREA (Consiglio per la ricerca in agricoltura e l’analisi dell’economia agraria) di Bari e il Prof. Ruggiero Quarto, docente e ricercatore in Geofisica Applicata presso il Dipartimento di Geologia e Geofisica dell’Università di Bari.

La locandina dell’evento: XylMap_Locandina_Evento